Azione e riconoscimento

Nuovo

La costruzione dello spazio pubblico – politico in Hannah Arendt

di Marco Benazzato

Tesi Gregoriana Filosofia 38

2019, pp. 352

La grande domanda che muove il pensiero politico di Hannah Arendt è: «come ristabilire un contatto con il mondo?».

Altri dettagli

26,00€

Altre informazioni

La costruzione dello spazio pubblico – politico in Hannah Arendt

di Marco Benazzato

Tesi Gregoriana Filosofia 38

2019, pp. 352

La grande domanda che muove il pensiero politico di Hannah Arendt è: «come ristabilire un contatto con il mondo?». Come ricreare uno spazio nel quale l’uomo possa tessere la rete di relazioni che lo tiene in vita e che agli occhi dell’autrice è perduto? Per Arendt, la relazione tra uomo e mondo si gioca fondamentalmente nell’azione. Per questo il presente lavoro muove da una rilettura del classico concetto di práksis, capace di mostrare come «parlare e agire in comune» sia l’azione più umana di tutte. Ma come avverrà l’interazione tra i molti che popolano il mondo? La scoperta, che questa ricerca vuole condividere, è che per Arendt la questione si giochi anzitutto sul piano estetico. C’è un certo vedere - sentire che dà forma buona allo stare al mondo degli uomini. Si tratta della dinamica del riconoscimento, capace di fondare il valore morale di ciascuno e impostare la relazione tra le persone sulla fiducia reciproca. Questa stessa dinamica presiede al rapporto di obbedienza a un’autorità, nella forma dell’attrazione magnetica. La riflessione qui proposta vuole offrire una comprensione critica dei tratti fondanti la relazione politica in Hannah Arendt, mettendone in luce l’origine e le condizioni da osservare perché in essa si dia veramente una «vita buona». Le tre parti delle quali si compone questo studio (antropologia fondamentale, estetica, etico - politica) sono i tre livelli ai quali si può studiare la generazione di un mondo capace di salvaguardare la condizione umana.

30 altri prodotti della stessa categoria