Bisognava che il Cristo soffrisse?

Nuovo

Il cammino storico-salvifico alla luce dello studio

macrotestuale di Lc 24,13-35

di Camilla Maria Paola Ohazulike

Tesi Gregoriana Teologia 237

2017, pp. 416 

La lettura della storia salvifica alla luce dell’episodio dei discepoli di Emmaus ci pone difronte a una domanda capitale: Bisognava che il Cristo soffrisse? Perché un tema sulle sofferenze del Messia?

Altri dettagli

24,00€

Altre informazioni

Il cammino storico-salvifico alla luce dello studio

macrotestuale di Lc 24,13-35

di Camilla Maria Paola Ohazulike

Tesi Gregoriana Teologia 237

2017, pp. 416 

Domande sulle sofferenze sono quesiti esistenziali che accompagnano la nostra realtà storica. Il Risorto replica ai due Viandanti di Emmaus (Lc 24,25-27) che le risposte a tali quesiti sono de­positate nelle Scritture, fornendone le spiegazioni. Parimenti, la nostra esistenza è accompagnata da un’altra realtà tangibile: la salvezza. Il terzo Evangelista scandisce gli eventi della pericope (Lc 24,13-35) attraverso la key-wordπορεύομαι. L’accompagnamento di Gesù lungo il cammino cambia radicalmente il significato del cammino dei disce­poli di EmmausQuesta monografia vuole imitare la lettura scritturistica globale fatta da Gesù ai due discepoli. Uno sguardo com­plessivo alle Scritture tramite la lettura macrotestuale proclama la centralità delle sofferenze/gloria di Cristo e l’universalità dei suoi effetti e, nello stesso tempo, accentua che l’operato del Messia è in linea con quello di YHWH e formano un binomio: cammino storico-salvifico per l’umanità intera. Di conseguenza ci poniamo una domanda esistenziale: è possibile trasformare le sofferenze (spesso inevitabili) in trionfo, tale da farne un capitale?

30 altri libri nella stessa collana