Trasformati in Cristo

Nuovo

L'antropologia paolina nella Lettera ai Galati

di Edoardo Maria Palma

Analecta Biblica 217

488 pagine – € 30,00

Il dibattito suscitato nel corso degli ultimi decenni intorno alla visione antropologica di Paolo, lascia emergere alcune questioni di primaria importanza.

Altri dettagli

30,00€

Altre informazioni

L'antropologia paolina nella Lettera ai Galati

di Edoardo Maria Palma

Analecta Biblica 217

488 pagine – € 30,00

Il dibattito suscitato nel corso degli ultimi decenni intorno alla visione antropologica di Paolo, lascia emergere alcune questioni di primaria importanza. In particolare, riguardo alla prospettiva di partenza, come pure in merito all’interpretazione della vita nuova in Cristo, con delle inevitabili ripercussioni anche sulla ricerca del fondamento ultimo delle esortazioni etiche dell’Apostolo.

L’analisi esegetica di alcuni passi selezionati di Galati (2,14b-21; 3,1-5; 10-14; 26-29; 4,1-7; 5,1-6; 16-25), ha permesso di operare una valutazione critica delle posizioni emerse nel corso degli anni, facendo altresì emergere un tutta evidenza la natura Cristo-logica della visione antropologica di Paolo. Anzitutto riguardo al punto di partenza, laddove la prospettiva Cristo-gonica (che nasce, cioè, da Cristo) viene ulteriormente avvalorata con la definizione della dispositio retorica di Gal 3-4.

Inoltre, l’approfondimento del rapporto salvifico tra il credente e Gesù in senso Cristo-morfico (per cui l’esistenza del battezzato viene “trasformata” in quella di Cristo), costituisce anche la base dell’etica cristiana. L’uomo “in Cristo” cammina, infatti, verso la progressiva realizzazione in se stesso della medesima vita di Gesù. Tale ragione Cristo-telica (avente, dunque, Cristo come “fine”) ha, quindi, permesso di porre in questione uno dei modelli più diffusi nella letteratura esegetica contemporanea: lo schema indicativo-imperativo proposto da Bultmann.

30 altri libri nella stessa collana