Search (2131 products)

Autore

Titolo

Categories

Argomento

Anno di pubblicazione

Prezzo

Between 
and 

Periodica de Re Canonica

Online only

02 - Swito Lucjan - Tomkiewicz Malgorzata - Le competenze della Sede Apostolica in materia di alienazione del patrimonio

New

Swito Lucjan - Tomkiewicz Malgorzata

LE COMPETENZE DELLA SEDE APOSTOLICA IN MATERIA DI ALIENAZIONE 
DEL PATRIMONIO DELLA CHIESA UNIVERSALE ALLA LUCE DEL CODICE
DI DIRITTO CANONICO DEL 1983
Sommario
La Sede Apostolica non solo possiede un patrimonio proprio
la cui amministrazione richiede una cura adeguata, ma è
anche un soggetto che svolge diverse funzioni di supervisione
rispetto al patrimonio della Chiesa universale. Un aspetto
particolarmente importante di tale supervisione è l’esercizio, da
parte della Sede Apostolica, del controllo in riferimento a specifici
atti di alienazione del patrimonio della Chiesa universale.
La situazione esistente induce a chiedersi se le norme incluse
nel Codice di Diritto Canonico del 1983 siano sufficientemente
comprensibili e chiare, non suscitino alcun dubbio di interpretazione
e possano garantire il controllo effettivo della Sede Apostolica
sull’alienazione dei beni e nel contempo anche la debita
tutela dei beni ecclesiastici. Quale formula viene assunta da tale
controllo e, considerando le premesse indicate della riforma di
papa Francesco, le procedure legate all’ottenimento della licenza
da parte della Sede Apostolica rispondono alle «necessità dei
tempi» ed ai requisiti della Chiesa nella realtà economico-giuridica
contemporanea? Il presente articolo, attraverso l’analisi
delle soluzioni previste nel codice che regola la materia indicata,
costituisce un tentativo di risposta ai quesiti summenzionati.
Parole-chiave: Sede Apostolica; Chiesa universale; beni ecclesiastici;
amministrazione del patrimonio ecclesiastico; alienazione.

More details

9,00€

More info

Swito Lucjan - Tomkiewicz Malgorzata

LE COMPETENZE DELLA SEDE APOSTOLICA IN MATERIA DI ALIENAZIONE 
DEL PATRIMONIO DELLA CHIESA UNIVERSALE ALLA LUCE DEL CODICE
DI DIRITTO CANONICO DEL 1983
Sommario
La Sede Apostolica non solo possiede un patrimonio proprio
la cui amministrazione richiede una cura adeguata, ma è
anche un soggetto che svolge diverse funzioni di supervisione
rispetto al patrimonio della Chiesa universale. Un aspetto
particolarmente importante di tale supervisione è l’esercizio, da
parte della Sede Apostolica, del controllo in riferimento a specifici
atti di alienazione del patrimonio della Chiesa universale.
La situazione esistente induce a chiedersi se le norme incluse
nel Codice di Diritto Canonico del 1983 siano sufficientemente
comprensibili e chiare, non suscitino alcun dubbio di interpretazione
e possano garantire il controllo effettivo della Sede Apostolica
sull’alienazione dei beni e nel contempo anche la debita
tutela dei beni ecclesiastici. Quale formula viene assunta da tale
controllo e, considerando le premesse indicate della riforma di
papa Francesco, le procedure legate all’ottenimento della licenza
da parte della Sede Apostolica rispondono alle «necessità dei
tempi» ed ai requisiti della Chiesa nella realtà economico-giuridica
contemporanea? Il presente articolo, attraverso l’analisi
delle soluzioni previste nel codice che regola la materia indicata,
costituisce un tentativo di risposta ai quesiti summenzionati.
Parole-chiave: Sede Apostolica; Chiesa universale; beni ecclesiastici;
amministrazione del patrimonio ecclesiastico; alienazione.

30 other products in the same category: